Obiettivo di questo sito è diffondere la conoscenza e l'utilizzo dei programmi Freeware, Free, Opensource capaci di rimpiazzare gli equivalenti Commerciali, ma anche promuovere opere intellettuali, manualistica e tutorial gratuiti in maniera del tutto indipendente.

In attesa di un ampliamento del forum, le pubblicazioni proseguono presso il nuovo indirizzo.

Articoli, Blog, Download, Glossario, Weblink

Installazione Drupal 5: prima configurazione

Dopo aver installato Drupal, vedremo i passi fondamentali per renderlo utilizzabile nei modi in cui ci eravamo prefissi.
Ci saranno dunque una serie di passi indispensabili come:

  • la creazione del primo utente;
  • il caricamento dei moduli;
  • l'uso dei file della traduzione.

Ma anche la risoluzione dei piccoli problemi che si possono incontrare, come:

Installazione Drupal 5: installazione

In questa seconda parte relativa all'installazione, si vedrà come e quali file debbano essere scaricati e installati per un utilizzo base di Drupal, facendo considerazioni che possono portare benefici a lungo termine sulla disposizione più appropriata degli stessi.
Inoltre verrete introdotti al concetto di estendibilità così come viene visto da Drupal, con alcune considerazioni generali da tenere sempre a mente per operazioni di questo tipo.

Installazione Drupal 5: il pacchetto AMP

In questa prima parte sull'installazione sarà dato spazio al pacchetto AMP (Apache, MySql, PHP), prendendo in considerazione un sistema preconfezionato come XAMPP.
Alcuni puristi potrebbero non favorire questa scelta, ma a mio parere, dato che l'obiettivo finale è avvicinare l'utenza a Drupal, è meglio cominciare con qualcosa di sicuramente funzionante.

Gestione dei pacchetti sotto openSUSE 10.2: rug

Dopo aver visto le meraviglie di Yast mi pare giusto dedicare un articolo a questo tool a linea di comando di facile utilizzo.
Rug altro non è che un front-end al demone zmd (ZENworks Management Daemon), tecnologia ereditata da Novell dopo l'acquisizione di Ximian e derivante dal progetto rcd (Red Carpet Daemon), facente uso della libreria libzypp per la gestione dei pacchetti.
Ovviamente c'è anche un front-end grafico a zmd che contempla tre programmi e il cui funzionamento è molto semplice:

  • zen-updater: si carica all'avvio e si piazza nella systray della barra applicazioni avvertendoci di eventuali aggiornamenti disponibili;

Gestione dei pacchetti sotto openSUSE 10.2: Yast

Usare yast non è affatto difficile in quanto contempla un'interfaccia completamente tradotta in italiano, i moduli per la gestione software riguardano l'installazione degli aggiornamenti e dei pacchetti, la configurazione dei cataloghi, la verifica dei supporti, l'aggiornamento automatico.

Yast può essere avviato in ambiente testuale, tramite il comando yast o in ambiente grafico digitando yast2, questi due comandi sono riservati ovviamente all'utente root.

L'approccio è sempre lo stesso: selezionare i pacchetti che ci interessano, marcarli a seconda dell'azione che vogliamo perpetrare e dare l'ok sul pulsante Fine. Inoltre Yast per facilitarci la visualizzazione dei pacchetti a disposizione mette a disposizione delle comode Viste.

openSUSE e webcam sweex

Non avevo mai avuto la pretesa di far funzionare una webcam poco conosciuta come quella della sweex sotto una qualsiasi distro da me provata in questi anni.
Solitamente attendevo la fine dell'installazione della distribuzione e poi utilizzando uno dei programmi suggeriti per la visualizzazione provavo a vedere il risultato.
Fino all'altro ieri l'unica cosa che visualizzavo è solo un rettangolo azzurro o nero, pur smanettando tra le opzioni non cambiava di molto la situazione.
Qualche giorno fa la svolta: modificando i parametri di kdetv ho cominciato a intravedere un qualcosa che faceva lontanamente pensare a un funzionamento della cam, ma la visualizzazione era a dir poco pessima, ma intanto c'era.

RogueRemover

Chi non ha mai sentito parlare dei Rogue Software? Per fare un esempio basta citare il celebre System Doctor 2006, un programma come questi viene indicato nel gergo un rogue ossia un programma che invece di eliminare malware (come molti di loro affermano di saper fare) li installa e gli effetti possono essere molteplici.
Tuttavia gli antivirus generici non sempre riescono a bloccare e rimovuere infezioni di questo tipo, e così si è costretti nella peggiore delle ipotesi a formattare l'intero disco solo per aspettare il giorno in cui si ricadrà nello stesso tranello.

Rogue Software

Significato:
Con questo termine si vuole indicare tutta quella categoria di programmi che spaziano dagli antivirus ai cleaner di registro, dai miglioratori di performance (tweaking) di sistema agli antispyware che si spacciano per tali e invece non lo sono.
Cosa sono invece? Volgari programmi che allettano l'utente a farsi scaricare proponendo interfacce grafiche sgargianti e la promessa di riuscire la dove prodotti blasonati non riescono e il tutto sotto le mentite spoglie di versioni non a pagamento.
La realtà invece è tutt'altro che rosea e ci si accorge ben presto dell'errore che si commette installandone uno: i sintomi sono gli stessi che si avrebbero in presenza di altri comuni malware, dalle finestre pubblicitarie che si aprono senza motivo alla pagina principale di Explorer che viene deviata verso altri siti, fino ad arrivare, nei casi più gravi al furto di dati sensibili. L'esempio più famoso è senz'altro System Doctor 2006.
Ovviamente per la rimozione di questi software, che una volta installati non ne vogliono sapere di andarsene, occorrono strumenti specifici.

Gestione dei pacchetti sotto openSUSE 10.2 - Breve Panoramica

Negli ultimi tempi il sistema di gestione dei pacchetti della nostra distro preferita ha creato non pochi problemi ai suoi utenti, cerchiamo di capirne un po' di più scoprendone meccanismi e potenzialità.

Un pacchetto è un archivio di tutti i file necessari ad una applicazione affinchè possa essere eseguita su un sistema ed eventualmente integra ulteriori informazioni riguardanti altri file ad essa necessari.
Esistono fondamentalmente tre tipi di archivi: tgz (contententi i sorgenti dell'applicazione che vanno compilati e ciò comporta l'installazione di tutte le librerie e del compilatore necessario), deb (utilizzati dalla distribuzione debian e derivate), rpm (creati dalla RedHat e in seguito standardizzati).

Italia Freeware compie 1 anno


Ebbene si è già trascorso un anno da quando il sottoscritto ha deciso di mettere su quello che reputo un piccolo sito dove condividere problemi esperienze e soluzioni con tutti voi.
Qualcuno potrebbe dire, ma chi te lo fa fare visto che tra blog, forum e quant'altro ormai internet ne è piena. Ad essere sincero il mio unico scopo era sperimentare, non avrei mai pensato di portare avanti questo sito per ben un anno, il mio interesse era solo quello di smanettare un po' con cms e codici php, poi l'incitamento a continuare da parte di quelle persone che hanno apprezzato questo lavoro mi hanno portato ad arricchire pian piano il sito.