Articoli, Blog, Download, Glossario, Weblink

Gestione dei pacchetti sotto openSUSE 10.2 - Breve Panoramica

Negli ultimi tempi il sistema di gestione dei pacchetti della nostra distro preferita ha creato non pochi problemi ai suoi utenti, cerchiamo di capirne un po' di più scoprendone meccanismi e potenzialità.

Un pacchetto è un archivio di tutti i file necessari ad una applicazione affinchè possa essere eseguita su un sistema ed eventualmente integra ulteriori informazioni riguardanti altri file ad essa necessari.
Esistono fondamentalmente tre tipi di archivi: tgz (contententi i sorgenti dell'applicazione che vanno compilati e ciò comporta l'installazione di tutte le librerie e del compilatore necessario), deb (utilizzati dalla distribuzione debian e derivate), rpm (creati dalla RedHat e in seguito standardizzati).

Italia Freeware compie 1 anno


Ebbene si è già trascorso un anno da quando il sottoscritto ha deciso di mettere su quello che reputo un piccolo sito dove condividere problemi esperienze e soluzioni con tutti voi.
Qualcuno potrebbe dire, ma chi te lo fa fare visto che tra blog, forum e quant'altro ormai internet ne è piena. Ad essere sincero il mio unico scopo era sperimentare, non avrei mai pensato di portare avanti questo sito per ben un anno, il mio interesse era solo quello di smanettare un po' con cms e codici php, poi l'incitamento a continuare da parte di quelle persone che hanno apprezzato questo lavoro mi hanno portato ad arricchire pian piano il sito.

openSUSE 10.2: uno sguardo da vicino

Dopo 6 mesi dall'installazione della versione 10.1 che aveva lasciato un po' l'amaro in bocca soprattutto a causa di quel fastidioso bug di Zen Update, eccomi pronto a installare la 10.2 che secondo le prime indiscrezioni è sembrata a tutti più stabile e affidabile fin da subito. Vediamo subito com'è cominciata e come si è conclusa l'installazione di questa straordinaria distro nella versione DVD x86.

Installazione

Ormai l'installazione di openSUSE è diventato uno standard di semplicità difficilmente superabile: l'interfaccia viene completamente tradotta già dal boot iniziale (premendo F2 potete accedere alle varie lingue) e dopo alcune semplici domande sul tipo di installazione da effettuare (ex-novo o aggiornamento) fuso orario e scelta dell'ambiente desktop base (Kde o Gnome) propone un primo profilo.
Avendo convertito l'hard-disk a tre sole e semplici partizioni dedicate a linux (per la cronaca 700Mb per la swap, 9Gb per la partizione root "/", e 300Mb per quella home) la procedura automatica non ha avuto difficoltà a interpretare la geometria del disco, selezionando la modalità esperta ho potuto ridefinire i punti di mount per le partizioni Windows con pochi click.
Dopo l'installazione dei pacchetti avviene il primo riavvio ed è possibile successivamente terminare il riconoscimento dell'hardware, l'installazione della rete, la creazione di una connessione internet e l'aggiunta delle fonti di installazione principali.
Su quest'ultimo passo ho notato un certo rallentamento, ma dato che la procedura di installazione l'ho effettuata in tempi in cui i server SUSE devono essere stati presi letteralmente d'assalto può essere del tutto normale.
L'hardware viene completamente riconosciuto al 100%, ovviamente mancano nel dvd i driver di ATI e tuttoggi sul sito della casa produttrice manca il supporto a X.org 7.2 (versione utilizzata dalla novella openSUSE), grave mancanza direi che non si è verificata con coloro che hanno hardware nVidia.

Configurare KPF sotto openSUSE

Kpf è una comoda applet per KDE che consente di creare un piccolo server HTTP in pochi click e condividere i file presenti all'interno delle cartelle del proprio pc con altri utenti in maniera rapida e sicura. L'unico requisito che devono possedere coloro che vogliono scaricare i vostri file è un browser qualunque e il vostro ip naturalmente.
La controparte sotto Windows di questo software potrebbe essere HFS distribuito sotto licenza GPL e anch'esso molto semplice da usare.

Ecco in sintesi i passi da compiere per attivare KPF:

Innanzitutto bisogna aprire la porta sul firewall sulla quale vogliamo impostare il servizio HTTP, se avete già fatto qualcosa di simile per attivare altri servizi che non sono perennemente in funzione potreste anche riutilizzare quelle porte.

Gvim, Vim, Vi l'editor di testo per antonomasia

Prima di tutto bisogna fare un po' d'ordine, cos'è Vi?
Vi è l'editor di testo storico utilizzato nei sistemi UNIX, si distingue dai normali editor di testo perchè oltre ad essere pensato per girare nelle normali console testuali sostituisce il concetto di menù con quello di modalità di scrittura + comandi.
Cos'è Vim?
Vim è un miglioramento dello stesso Vi, partendo dagli stessi concetti di base, ne amplia le capacità e le caratteristiche, lo rende un po' più amichevole ma allo stesso tempo potente, utilizzando le stesse parole degli autori è un editor di testo altamente configurabile ed efficiente; viene definito l'editor dei programmatori perchè supporta e si adatta facilmente alla redazione di listati nei vari linguaggi, mettendo a disposizione strumenti come la colorazione sintattica e l'autocompletamento delle funzioni, ma non è rivolto solo ai programmatori, in quanto si adatta ad ogni genere di file di testo, un'email come un file di configurazione.

Auguri di buon Natale

Un sincero augurio speciale di buon Natale dal team di Italia-Freeware a tutti i sostenitori e detrattori, Auguri a tutti!!!

Firefox 2.0.0.1 disponibile

Nonostante questa sia una minor minor release l'aggiornamento è fortemente consigliato a tutti gli utenti di questo straordinario browser in quanto si vanno a tappare ben 5 falle critiche e 2 a rischio alto, l'elenco completo dei problemi risolti con l'aggiornamento si trova in questa pagina.
Gli utenti che volessero aggiornare la propria versione ma non hanno ancora ricevuto l'avviso automatico possono forzare l'operazione dal menù ? -> Controlla gli aggiornamenti.
Chi volesse installare l'ultima versione italiana per Windows può far riferimento a questo indirizzo, gli utenti di openSUSE 10.2 che non hanno installato ancora le fonti di aggiornamento troveranno il package dei binari e delle traduzioni qui, partendo da questo indirizzo invece potete scegliere pacchetti per differenti versioni e/o piattaforme.

Utenti Telecom e problemi di connessione

Dura da qualche giorno il costante rallentamento delle linee Adsl Telecom (ma anche di altri operatori) che portano nei casi più gravi all'impossibilità di aprire una semplice mail anche per diverse ore.
Il sito ufficiale di aiuto della Telecom in un comunicato ufficiale di qualche giorno fa spiega le ragioni di questo rallentamento con la diffusione di spyware e adware che andrebbero a sovraccaricare i vari server DNS.
La soluzione proposta è quella di inserire manualmente l'ip del DNS primario e secondario nella scheda della proprietà del protocollo TCP/IP della connessione in uso, in particolare viene consigliato l'indirizzo 151.99.125.1 come DNS primario e 151.99.0.100 come DNS secondario. In questa pagina invece sono illustrati tutti i passi per poter accedere alla finestra della configurazione.

openSUSE 10.2 è arrivata

La nuova versione di openSUSE è finalmente arrivata, dopo la delusione per l'inizio non molto spumeggiante della versione 10.1 in molti pensano che questa possa essere veramente l'occasione per dimostrare le vere potenzialità di questa distro.
L'homepage del progetto ufficiale non è ancora aggiornata in compenso è possibile scaricare la versione Gold Master (in pratica ufficiale) da questa pagina.
Nel momento in cui scrivo il traffico con Bittorrent è completamente congestionato e non riesco a scaricare nulla, in compenso i vecchi server FTP f

Firefox 2.0 a rischio phising

Per tutti gli utenti che avessero abilitato la funzione di gestione password è caldamente consigliata la rinuncia a tale utility a seguito della rilevazione di un errore nel riempimento dei campi relativi alle varie credenziali in caso di pagine provenienti da domini condivisi come nel caso di MySpace e simili. Una pagina appositamente preparata potrebbe indurre il Browser a spedire i dati di autenticazione.
Al momento non sono ancora state distribuite patch.