StarUML la soluzione opensource alla modellazione delle applicazioni

Se siete in cerca di un applicativo gratuito e completo, capace di gestire i vostri modelli UML/MDA non potete fare a meno di dare uno sguardo a StartUML.
Al primo avvio si nota già un'interfaccia molto ordinata, dove le finestre si incastrano nello stile Visual Studio, con un pannello laterale per inserire i vari elementi nei diagrammi e una tree bar per sfogliare più agevolmente i vari diagrammi e le loro proprietà.
Ogni volta che si cominicia un progetto è possibile scegliere uno dei 4 approcci predefiniti (4 + 1, Rational, UML, StartUML) o crearne uno proprio, ognuno di questi definisce dei modelli che dovranno essere riempiti dai diagrammi.
StartUML consente la creazione dei nove diagrammi definiti in UML 2.0:

  • Casi d'uso
  • Classi
  • Sequenza
  • Collaborazioni
  • Stato
  • Attività
  • Componenti
  • Deployment

potendo generare il relativo codice per i linguaggi Java, C# e C++.
L'uso dei moduli consente l'estensione delle funzionalità, mentre attraverso i template si possono generare vari tipi di documentazione oppure estendere le tipologie di codice generate in automatico.
I modelli possono inoltre essere verificati in automatico tramite il relativo strumento, e i diagrammi possono essere esportati nello standard XMI.
Un'ultima chicca è data dal generatore di pattern divisi nei gruppi GoF (Gang of Four) e EJB (Enterprise Java Beans).
Unica nota negativa è la non traduzione in italiano e l'assenza di questo applicativo per la piattaforma Linux. Per chi dubitasse della effettiva professionalità di questo strumento può anche dare uno sguardo qui alle tre aziende più importanti che lo hanno ufficialmente adottato.

Comments

Ottimo prodotto ma ...

Concordo sulle qualità di StarUML purtroppo dopo alcuni giorni di utilizzo all'apertura visualizza un errore (Cannot focus a disabled or invisible windows) che non riesco ancora ad eliminare (se non disinstallando e reinstallando il prodotto).
Inoltre la versione 5.0 è piuttosto datata (30 dic 2005) e questo mi lascia qualche dubbio sull'interesse della comunity.