Rubriche

Prompt del Dos nel menù contestuale

Come fare per istallare nel menù contestuale la voce per aprire una sessione Dos?

Molto spesso la shell testuale torna utile anche in ambienti come Windows, ma non si vuole rinunciare al browsing delle cartelle tramite l'interfaccia grafica.
Per sopperire a questa mancanza è possibile creare una chiave all'interno del registro per avere nel menù contestuale la voce "Apri Sessione Dos qui" oppure per gli anglofoni "Dos Prompt Here".
La procedura è semplice:

  1. Aprire l'editor di registro digitando regedit nel menù Esegui

Che file è mai questo?

.pub, .exe, .ex_, .asm, .e chissà quanti altri tipi di file esistono sull'hard disk o nelle menti dei loro creatori, e tanto per confondere le acque non sempre a una estensione è associato solo un tipo di file, spesso ne rappresenta diversi e fortunatamente FileExt si prende la briga per noi di classificarli e di descriverli brevemente nelle varianti conosciute. Nei casi più fortunati abbiamo un elenco di programmi o un sito di riferimento per avere informazioni dettagliati circa il programma capace di manipolarli.
Ovviamente il database è estendibile, a maggior ragione in un mondo come q

Unlocker lo sblocca file

Quante volte vi siete trovati di fronte a file o cartelle ineliminabili? Magari proprio quando avreste voluto cancellarli ecco che spunta il messaggio di errore: "Il file o la cartella selezionati sono attualmente in uso". "Ma in uso da chi? Ho solo l'Esplora Risorse aperto" direte voi, beh per quanto strambo possa sembrare vi siete risposti.
Come eliminare il file? o riavviate il processo Explorer.exe (il più delle volte è lui il colpevole) tramite il taskmanager oppure vi affidate alle cure di questo programmino freeware che si sistema sul menù contestuale occupando solo pochi kb del vostro hard disk e riesce a sbloccare la situazione eliminando dalla memoria i riferimenti a quel particolare file o cartella selezionato.

Il mulo sotto Suse Linux

Nel passaggio da windows a linux la prima cosa che vogliamo fare è portarci dietro i programmi più utilizzati, uno di questi è senz'altro il muletto, dal quale possiamo scaricare e condividere la iso delle nostre distro preferite, le ricerche scolastiche, le tesine universitarie o i programmi realizzati in casa, tutto questo in maniera molto più efficiente di un sito web (grazie alla potente capacità di ricerca inclusa in questi programmi) e assolutamente gratuita (non essendoci costi di gestione del sito) tralasciando, ovviamente, i costi di connessione.
Dunque non necessariamente p2p è sinonimo di pirateria, ma potrebbe invece essere un prezioso strumento di libertà d'espressione e soprattutto in un mondo come quello di linux dove la condivisione di idee è la portante del progetto stesso, non possiamo farci mancare questa opportunità.
Prima cosa quindi è d'obbligo procurarsi un pacchetto di istallazione per la nostra amata Suse, sul celeberrimo Packman basta cercare il pacchetto amule, versione appositamente riscritta del più celebre emule, e il gioco è fatto.
In questa pagina possiamo accedere al pacchetto rpm precompilato.
Per istallarlo niente di più semplice: o il doppio click sul pacchetto e poi il click sul pulsante Istalla con Yast, oppure da console, dopo aver ottenuto l'accesso root, tramite il comando

Suse 10.1 in DVD

Il DVD della nuova release è ora disponibile come unica soluzione equivalente dei 5 + 1 cd. Basta seguire il link riportato qui sotto e scegliere la modalità per effettuare il download tenendo conto della vostra architettura hardware.
Vi consiglio di scaricare il file torrent ( questo per le architetture x86) e affidarvi a un buon programma di file sharing come bitcomet o azureus per velocizzare il tutto.
Intanto è già partita la corsa per la versione 10.2!!!

Rinominare i files con LupasRename

Quante volte ci siamo trovati di fronte decine se non centinaia di file da riorgarnizzare e classificare nel nome e/o nell'estensione?
Di sicuro almeno una volta nella vita e proprio in quella volta sono convinto che ci si è arrangiati con l'esplora risorse perchè google proprio non ne voleva sapere di trovare un freeware capace di gestire in maniera semplice operazioni molto complesse.
LupasRename infatti con pochi click consente di stravolgere completamente il nome del file originale, basta guardare l'interfaccia principale (tra l'altro tradotta completamente in italiano) per osservare le numerose possibilità di intervento:

Recapito telefonico e altro

Interessante motore di ricerca quello proposto dal portale libero dove si ha a disposizione un elenco telefonico di immediata consultazione, ma se fate attenzione è possibile anche effettuare la ricerca di una mappa, un percorso o un'azienda cliccando sugli appositi collegamenti.
La ricerca della mappa mostra a video la cartina della nostra città con evidenziata la strada che stiamo cercando;
La ricerca del percorso è dedicata a tutti coloro che vogliono mettersi in viaggio e hanno bisogno di visualizzare un tracciato: anche in questo caso verrà presentata una cartina con evidenziato il percorso da fare;

Plugin per CCleaner

Già su queste pagine avevo recensito CCleaner come un valido programma per la pulizia dei file di sistema e di registro, però dopo aver frugato nella sua cartella di istallazione ho avuto una piacevole sorpresa.
Premetto che tempo fa, quando era distribuito come freeware, per automatizzare la pulizia delle history dei vari programmi realizzavo dei plugin per X-Setup che, grazie al linguaggio basic consentivano di usufruire in maniere semplice e veloce di tutti gli elementi necessari per l'accesso al sistema.
Da quando X-setup è diventato shareware (se non erro dalla versione 7.0 in poi) ho preferito cercare altri programmi per la pulizia automatica o per il tweaking ma tutti quanti proponevano una serie di "pulizie" già predefinite a compile-time.

Calmira - La grafica di XP sotto win 3.11

Non potevo crederci, mi è venuto un tuffo al cuore rivedendo uno degli ultimi programmi che avevo utilizzato sotto win 3.11 preistallato in quell'IBM 486sx 25 MHz che oggi custodisco un po' come una reliquia nella sua scatola originale.
Calmira infatti migliorava e anche di molto la shell grafica del windows 3.11 che poggiava sul vetusto progman.exe (ancora disponibile sotto il win 98 se non erro) aggiungendo un file manager una toolbar sul fondo dello schermo che gli conferiva un aspetto molto simile a quello di windows 95.
Ricordo di averlo trovato all'interno di una rivista in quegli anni di transizione di codice dai 16 ai 32 bit, ma mai avrei pensato di vederne ulteriori sviluppi in questi giorni in cui le macchine a 64 bit sono ormai una realtà.

Irfan view

Piccolo ma potente e veloce visualizzatore di ogni formato di immagine possibile e immaginabile, pare di aver detto tutto di questo programma di soli 400 kb e invece no!!!
Infatti contiene un ulteriore pacchetto di ben 6 mb di plugin e inoltre è perfettamente localizzato in italiano così come in altre lingue.
La cosa che subito mi ha colpito rispetto ad altri programmi del suo genere è la velocità di apertura delle immagini, che si paga si a fronte di una interfaccia non molto raffinata però se consideriamo che tutte le operazioni hanno una serie di tasti acceleratori previsti allora su questo dettaglio credo si possa sorvolare.